Carta dei Servizi


Carta dei servizi
Lo staff
Accesso ai servizi
Principi per la qualità
Diritti e doveri degli utenti
Gli orari

Diritti e doveri degli utenti


Centro VILLA DELLE GINESTRE si attiene ai sotto indicati documenti ed elaborati delle normative di Diritto Internazionale:
1. “Carta dei Diritti del paziente”, approvata nel 1973 dall’American Hospital Association;
2. “Carta dei diritti del malato”, adottata dalla CEE in Lussemburgo dal 6 al 9 maggio 1979;
3. Art. 25 della “Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo”, art. 11 e 13 della “Carta Sociale Europea 1961”
4. Art.12 della “Convenzione Internazionale dell’ONU sui diritti economici, sociali e culturali”, 1996;
5. Risoluzione n.23 dell’OMS, 1970 che trova piena rispondenza nei principi della Carta Costituzionale (art. 2-3-32).


I Diritti


Art. 1
Il paziente ha diritto di essere assistito e curato con premura ed attenzione, nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni filosofiche e religiose.
Art. 2
In particolare, al momento dell’accettazione ha il diritto di essere sempre individuato con nome e cognome ed interpellato con la particella pronominale “Lei”.
Art. 3
Il paziente ha diritto di ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni dalla stessa erogate, alle modalità di acceso e alle relative competenze. Lo stesso ha il diritto di poter identificare immediatamente le persone che l’hanno in cura.
Art. 4
Il paziente ha il diritto di ottenere dal sanitario che lo cura informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi e alla malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi.
Art. 5
In particolare, il paziente dovrà essere informato in tempo sulle reali condizioni di salute e, ove il Direttore Responsabile raggiunga il motivato convincimento dell’inopportunità di un’informazione diretta, la stessa dovrà essere fornita, salvo espresso diniego del paziente, ai familiari o a coloro che esercitano potestà tutoria, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute verrà avvisato il medico richiedente.
Art. 6
Il paziente ha altresì diritto di essere informato sulla possibilità di indagini e metodiche alternative, anche se eseguibili in altre strutture. Qualora il paziente non sia in grado di determinarsi autonomamente, le stesse informazioni dovranno essere fornite alle persone di cui all’art. precedente.
Art. 7
Il paziente ha diritto alla segretezza del proprio “Status” di salute.
Art. 8
Il paziente ha il diritto di proporre reclami che devono essere sollecitamente esaminati e di essere tempestivamente informato sull’esito degli stessi.


I Doveri


L’ADEMPIMENTO DI ALCUNI DOVERI È ALLA BASE PER USUFRUIRE PIENAMENTE DEI PROPRI DIRITTI.

Art. 1
Il paziente, quando accede nel Centro è invitato ad avere un comportamento responsabile in ogni momento e di considerare il rispetto e la comprensione dei diritti degli altri pazienti ivi presenti, nonché con i Professionisti ed il Personale tutto.
Art. 2
L’accesso al Centro presuppone da parte del paziente un rapporto di rispetto e fiducia verso il personale sanitario.
Art. 3
E’ un dovere in caso di rinuncia da parte del paziente al trattamento riabilitativo avvisare la segreteria del Centro immediatamente al fine di evitare sprechi di tempo e di risorse.
Art. 4
Il paziente è tenuto al rispetto degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi che si trovano all’interno del Centro come forma di rispetto verso se stessi e per gli altri.
Art. 5
I pazienti devono rispettare la frequenza dei trattamenti a loro assegnati e non alternare periodi di trattamento con periodi di assenza prolungata, senza un congruo preavviso e senza una motivazione valida pena la dimissione dal centro.
Art. 6
Nel Centro è severamente vietato fumare.
Art. 7
Il paziente impossibilitato a ricevere il trattamento per motivi personali è tenuto a dare congruo avviso alla segreteria del Centro.
Art. 8
Il genitore del paziente minore o non autosufficiente deve aspettare la fine del trattamento dello stesso non allontanandosi dal centro.
Art. 9
In caso di ricovero il paziente deve avvisare tempestivamente la segreteria del centro.
Art.10
Il paziente o suo familiare (nel caso in cui il paziente non sia minore o nelle condizioni psicofisiche di provvedere) è tenuto a comunicare in amministrazione ogni eventuale cambio di indirizzo, recapito telefonico o nominativo.
Art. 11
Il paziente o suo familiare deve leggere attentamente tutta la scheda dovrà apporre le firme presenze e nel caso il trattamento sia prorogabile produrre almeno 30 giorni prima della scadenza dello stesso, idonea certificazione specialistica, onde evitare le dimissioni.
Art. 12
In caso di ricovero ospedaliero, deve essere presentato certificato di ricovero e, all’uscita dall’ospedale, certificato di dimissione ospedaliera.
Art.13
In caso in cui il minore non viene accompagnato dai genitori, l’accompagnatore deve presentarsi con idonea modello di delega da ritirare in segreteria con allegati i documenti di riconoscimento del genitore delegante e del delegato.
Art. 14.
In un’ottica di ottimizzazione delle risorse umane e delle professionalità messe a disposizione dal Centro, il paziente in trattamento non può rifiutare l’eventuale sostituzione del terapista assente, pena la dimissione dal Centro.